Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il virus dell'influenza aviaria H7N9 è potenzialmente pandemico. Una ricerca pubblicata su Nature e coordinata da Yoshihiro Kawaoka, dell'università americana Wisconsin-Madison e dell'università giapponese di Tokyo, rileva che il virus ha caratteristiche tali da renderlo potenzialmente a rischio di diventare il motore di una eventuale pandemia.

"Il virus H7N9 - sottolinea Kawaoka - ha diverse caratteristiche tipicamente associate con i virus influenzali umani e quindi possiede un potenziale pandemico e per questo deve essere strettamente monitorato".

La scoperta è stata possibile analizzando alcuni virus isolati da pazienti infettati in Cina. In genere, i virus dell'influenza aviaria non infettano gli esseri umani, con l'eccezione dei ceppi H5N1 altamente patogeni. Tuttavia, il virus H7N9 ha finora infettato oltre 130 persone, provocando la morte di circa il 20 per cento di esse.

Il lavoro suggerisce che la capacità del virus H7N9 di infettare le cellule umane e di replicarsi può essere dovuta a poche modifiche negli aminoacidi delle sequenze genetiche del virus. "Queste due caratteristiche - osserva Kawaoka - sono necessarie, anche se non sufficienti, per causare una pandemia".

Inoltre il lavoro mostra che il virus H7N9 ha la capacità di infettare diverse specie di mammiferi, come le scimmie e i furetti e in questi ultimi in particolare il virus può replicarsi e trasmettersi attraverso le goccioline di saliva sospese nell'aria (aerosol), anche se non in modo efficace come fanno gli altri virus influenzali che contagiano l'uomo.

In ogni caso, nonostante la potenziale pandemia del virus dalla ricerca emerge una notizia positiva: la maggior parte dei ceppi H7N9 testati sono risultati sensibili ai farmaci antivirali efficaci contro gli altri virus dell'influenza stagionale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS