Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La società bernese Mopac, attiva nell'industria dell'imballaggio, si appresta a licenziare un'ottantina di dipendenti: la relativa procedura di consultazione è già stata avviata.

La misura ha carattere precauzionale ed è da ricondurre alla svalutazione dell'euro rispetto al franco. Mopac, avviando la procedura di consultazione, intende guadagnarsi spazio di manovra per portare avanti il piano di ristrutturazione in corso e reagire rapidamente a un eventuale calo del fatturato.

La società è finita in gravi ristrettezze finanziarie dopo l'abolizione, all'inizio dell'anno, della soglia minima di cambio con l'euro. Nello scorso marzo Mopac, che ha sedi a Wasen e Eriswil, ha chiesto una moratoria concordataria e da allora è guidata da un amministratore. In totale dà lavoro a 220 persone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS