Navigation

Immatricolazioni: in aprile livello più basso da anni '70

Anche per il resto dell'anno Auto-Svizzera nutre poca speranza. Keystone/MARTIN RUETSCHI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 maggio 2020 - 21:58
(Keystone-ATS)

In aprile il numero delle nuove immatricolazioni è sceso al livello più basso dalla crisi del petrolio degli anni '70. Da allora non vi è stato alcun mese in cui sono state messe in circolazione meno di 10'000 automobili, indica Auto-Svizzera in un comunicato odierno.

Concretamente il mese scorso sono state immatricolate in Svizzera e nel Liechtenstein solo 9'382 vetture, il 67,2% in meno dell'aprile 2019. La contrazione cumulata da inizio anno si attesta al 35,6%, a 64'834 unità.

Dall'inizio della chiusura dei venditori e importatori di auto decisa dalle autorità, in una giornata di lavoro media sono state poste in circolazione circa 800 vetture in meno che di solito, rileva l'associazione degli importatori.

Anche per il resto dell'anno c'è poca speranza, pertanto Auto-Svizzera rivede le stime per il 2020 a 240'000 auto, pari a circa il 23% in meno dell'anno scorso. Si tratterebbe del peggiore anno da quattro decenni e mezzo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.