Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Con oltre 1.750 decessi dall'inizio dell'anno, il bilancio di migranti morti mentre cercavano di attraversare il Mediterraneo risulta oltre 30 volte superiore a quello registrato per lo stesso periodo l'anno scorso (56 decessi al 21 aprile).

Lo ha detto oggi a Ginevra il portavoce dell'Organizzazione internazionale migrazioni (Oim).

Secondo una stima dell'Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) il tasso di mortalità tra i richiedenti asilo e migranti che attraversano il Mediterraneo è drammaticamente salito: "nel 2014, il Mediterraneo era già emerso come la rotta più mortale al mondo per i rifugiati ed i migranti con una media di un decesso su 50 tra le persone che hanno tentato di attraversarlo. Quest'anno, la media è finora di circa uno su 20. I numeri si stanno muovendo nella cattiva direzione", ha detto il portavoce dell'Unhcr Adrian Edwards.

I morti segnalati in aprile sono circa 1.300, un record per un solo mese, ha detto Edwards. Dall'inizio dell'anno, più di 36mila richiedenti asilo e migranti sono giunti in Europa meridionale via mare.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS