Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Stando all'associazione degli impiegati di banca, è ora di dare al personale del settore un segnale positivo.

KEYSTONE/DOMINIK BAUR

(sda-ats)

L'Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB) chiede per il prossimo anno aumenti in busta paga del 2%, da ripartire in modo equo tra i dipendenti dei vari dipartimenti e istituti.

A dieci anni dallo scoppio della crisi finanziaria, e con un rincaro dell’1% per la prima volta da molto tempo, è giunta l'ora di dare al personale bancario un segnale positivo, scrive l'ASIB in una nota odierna.

L'associazione sostiene che le risorse finanziarie in questi ultimi anni sono state utilizzate soprattutto per accaparrarsi nuovi talenti, con conseguenze negative per i bilanci salariali dei dipendenti con profili più bassi, ma ugualmente necessari ed efficaci.

L'ASIB chiede quindi che gli aumenti vadano a beneficio di almeno il 50% degli impiegati di ogni dipartimento. Le banche potranno così "correggere un ristagno salariale demotivante" a fronte degli sforzi richiesti e dei profitti ricavati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS