Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera conduce attualmente discussioni con diversi paesi per l'introduzione di una imposta liberatoria: lo indica Michael Ambühl in un'intervista pubblicata oggi dalla "Neue Zürcher Zeitung". Il segretario di stato elvetico incaricato delle questioni fiscali internazionali è convinto che questo modello si imporrà durevolmente come alternativa allo scambo automatico di informazioni.

La Svizzera ha concluso con Germania, Gran Bretagna e Austria accordi fiscali che prevedono l'introduzione di una tassa per regolare i fondi depositati in Svizzera "in nero". I titolari stranieri di conti potranno scegliere tra una dichiarazione al fisco del loro paese e un'imposizione anonima. In questo secondo caso, la tassa sarà prelevata dagli istituti di credito elvetici e girata allo Stato di provenienza del titolare del conto.

A livello di esperti discussioni si stanno tenendo con diversi governi, interessati a questo modello, anche fuori dall'Europa, afferma Ambühl nell'intervista.

Il Consiglio federale sa chiaramente quali sono i prossimi paesi con i quali auspica negoziare, aggiunge Ambühl, senza citarli. Per la Svizzera sono interessanti i paesi economicamente importanti, specialmente per la piazza finanziaria, e che hanno un certo ruolo a livello internazionale.

Gli accordi fiscali con Germania, Gran Bretagna e Austria sono combattuti in Svizzera con referendum. In Germania, l'opposizione vuole rinegoziare il trattato. Il Consiglio federale esclude una tale possibilità, afferma Ambühl: "O quest'accordo o niente del tutto".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS