Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel 2014 le imprese svizzere hanno "rimpatriato" 3 miliardi di franchi, in controtendenza quindi con l'anno prima, quando avevano investito 36 miliardi nelle loro filiali all'estero.

Le società estere invece hanno investito direttamente 6 volte di più in Svizzera, una somma pari a 6 miliardi.

Un forte disinvestimento constatato a livello delle filiali elvetiche - rileva la Banca nazionale svizzera (BNS) in un comunicato odierno - si segnala nel ramo dei servizi, dove tutte, ad eccezione delle assicurazioni e delle società finanziarie, hanno ritirato dei fondi.

L'industria invece ha registrato un'evoluzione al rialzo degli investimenti oltre confine: in questo settore il ruolo di motore lo hanno svolto i gruppi chimico e plastico, con investimenti pari a 15 miliardi di franchi.

La BNS sottolinea che il suo rapporto sugli investimenti diretti nel 2014 introduce numerosi cambiamenti metodologici, che però hanno poca ripercussione sul flusso degli investimenti diretti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS