Tutte le notizie in breve

Il primo ministro croato Andrej Plenkovic.

KEYSTONE/AP/DARKO BANDIC

(sda-ats)

La Croazia si trova di nuovo in fase d'instabilità politica, apertasi oggi con la dissoluzione della coalizione di governo formata dall'Unione democratica croata (Hdz, conservatori), guidata dal premier Andrej Plenkovic, e il partito centrista-populista Most (Ponte).

Stamane, nel corso della riunione del governo, in diretta televisiva, il primo ministro Plenkovic ha destituito tre ministri, membri di Most, partner minore nella coalizione formata a seguito delle elezioni anticipate, tenutesi lo scorso settembre. I tre ministri si sono rifiutati di dare il loro appoggio al collega delle Finanze, sotto attacco da parte delle opposizioni per il suo ruolo poco chiaro nella gestione della crisi finanziaria del colosso agroalimentare Agorkor, che da mesi di trova al limite della bancarotta.

"Mi attendevo un comportamento leale e solidale da parte di Most", ha detto Plenkovic, spiegando che se alcuni ministri "non hanno fiducia in un loro collega, allora non possono fare parte del governo". Con questo gesto il premier ha di fatto dissolto la coalizione di governo.

Poche ore più tardi, nel corso di una conferenza stampa straordinaria, Plenkovic ha detto che non ci sono ragioni per le sue o le dimissioni dell'interno governo, dicendosi convinto che il suo partito riuscirà ad assicurare una nuova maggioranza e semplicemente sostituire i ministri. Secondo il premier la prospettiva di elezioni anticipate non è realistica, anche se Plenkovic si è detto comunque pronto anche per una tale eventualità.

Secondo gli analisti sarà molto difficile, ma non impossibile, formare una nuova maggioranza, che comunque non potrà essere che molto fragile e complicata. In questo momento l'Hdz di Plenkovic è il primo partito in Parlamento, con una maggioranza relativa di 61 deputati su un totale di 151. A Plenkovic mancano 15 voti, quanti ne ha Most, che potrebbe trovare tra vari partiti minori e tra i deputati delle minoranze etniche.

Il clima politico nel quale Plenkovic tenterà di salvare il suo governo, è ulteriormente complicato dal fatto che il mese prossimo si vota per le amministrative. L'opposizione di centro-sinistra ha chiesto il voto anticipato, dicendosi non disponibile per un governo di larghe intese.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve