Dopo l'esecuzione di Kelly Renee Gissendaner, giustiziata nel carcere di Jackson, in Georgia malgrado l'appello di papa Francesco, tra oggi e domani altre due persone attendono il boia negli Usa.

Oggi pomeriggio, a meno di un intervento della Corte Suprema, in Oklahoma è in programma l'esecuzione di Richard Glossip, nel braccio della morte per il suo ruolo nell'uccisione nel 1997 del proprietario del motel Oklahoma City. Glossip si dichiara innocente e ritiene di essere stato incastrato dal vero killer, che sta scontando l'ergastolo e che è stato il testimone chiave per l'accusa di Glossip.

Domani, invece, in Virginia toccherà ad Alfredo Prieto, 49 anni, originario di El Salvador, colpevole di aver ammazzato 9 persone in California e in Virginia tra il 1988 e il 1990. Nel 1992, ha invece stuprato e ucciso una 15/enne in California. Nello stesso anno, in Virgina, massacrò tre giovani poco più che ventenni. Tuttavia, nonostante sia giudicato un serial killer, Prieto è affetto da disabilità mentale e solo la Corte Suprema può bloccare la sua esecuzione.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.