Navigation

Incendio Rouen: bloccata un'altra fabbrica classificata "Seveso"

L'incendio di 5 giorni fa alla Lubrizol KEYSTONE/AP/STEPHANIE PERON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 ottobre 2019 - 10:30
(Keystone-ATS)

Nuovo allarme, ancora in uno stabilimento chimico classificato "Seveso" (cioè sotto sorveglianza per le materie prime a rischio utilizzate nelle lavorazioni), e sempre nella zona di Rouen (nord della Francia).

Dopo l'incendio di 5 giorni fa alla Lubrizol, sono state fermate oggi tutte le attività della fabbrica Borealis. La prefettura ha precisato però che non c'è alcun incendio.

"La fabbrica Borealis (produzione di fertilizzanti) ha fatto scattare il Poi (Piano di Organizzazione Interna) - ha indicato la prefettura in un comunicato - a seguito di un calo di alimentazione elettrica che necessita un fermo e una procedura di sicurezza dell'impianto".

Secondo le prime indagini, il calo di alimentazione sarebbe dovuto a un "surriscaldamento di una cellula della centralina elettrica principale".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.