Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Oltre 150 persone sono morte nell'ultimo mese nello stato indiano settentrionale dell'Uttar Pradesh a causa dello straripamento del Gange e dei suoi affluenti. Lo riferisce oggi l'agenzia di stampa Ians.

In totale mezzo milione di persone sono rimaste senza tetto e sono state costrette a lasciare i villaggi perdendo i loro mezzi di sostentamento. Diversi fiumi della vasta piana gangetica hanno inondato le campagne distruggendo i raccolti e uccidendo il bestiame.

Da ormai un mese, le forti piogge monsoniche continuano a flagellare il nord dell'India. Circa 7 mila persone, in maggior parte pellegrini indù, sono scomparse nelle alluvioni che il 16 e 17 giugno hanno distrutto lo stato himalayano dell'Uttarakhand dove si trovano le sorgenti del Gange.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS