Navigation

India: bomba a New Delhi, seconda mail di rivendicazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 settembre 2011 - 14:41
(Keystone-ATS)

Un secondo gruppo integralista islamico, questa volta indiano, ha rivendicato l'attentato di ieri a New Delhi con una mail inviata a diversi media indiani. Lo riferisce The Hindustan Times precisando che il messaggio deve ancora essere verificato dagli investigatori.

Nella presunta rivendicazione, un portavoce degli Indian Mujahiddin (Im), una sigla sospettata per diversi attentati in India, smentisce che a compiere l'attacco sia stata la Harkat-ul-Jihad Islam (Huji), organizzazione basata in Pakistan e Bangladesh, che ieri aveva inviato una e-mail un paio di ore dopo la strage costata la vita a 12 persone.

Finora la polizia ha detenuto quattro persone nel Kashmir indiano, in connessione con la rivendicazione della Huja, tra cui il proprietario di un internet café nel distretto Kishtwar dove è stato mandato il messaggio. Un quinto uomo è stato fermato nello Stato settentrionale dell'Uttar Pradesh in seguito a una segnalazione basata sull'identikit di due sospetti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?