Una forte esplosione avvenuta ieri sera in una fabbrica illegale di fuochi d'artificio dello Stato indiano del West Bengala ha causato almeno dieci morti e sette feriti.

Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. Fonti locali hanno però assicurato che le vittime sono molto più numerose.

L'incidente è avvenuto verso le 23 a Pingla, nel distretto di West Midnapore, e secondo testimonianze di persone del posto la fabbrica produceva anche clandestinamente rudimentali ordigni esplosivi. Denunce in questo senso presentate alla polizia non hanno però avuto alcun risultato.

Lo scoppio è stato così forte da distruggere completamente la fabbrica e danneggiare almeno cinque case nelle vicinanze. I corpi delle persone che in quel momento si trovavano al lavoro sono stati orrendamente mutilati.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.