Navigation

India: mercantile affondato a Mumbai, allarme marea nera

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 agosto 2011 - 13:39
(Keystone-ATS)

È allarme ecologico al largo delle coste di Mumbai in seguito all'affondamento di un mercantile con a bordo oltre 60 mila tonnellate di carbone e 340 tonnellate di carburante e lubrificanti.

La polizia indiana ha arrestato il comandante e l'ufficiale di macchina per "aver creato una situazione di pericolo" per il traffico portuale. Lo riferiscono oggi i media indiani precisando che i due sono stati poi liberati dietro cauzione.

La nave MV Rak, battente bandiera panamense, si era inabissata due giorni fa dopo un sos lanciato alla Guardia costiera intervenuta per salvare i 30 marinai a bordo. Una larga chiazza di olio lubrificante è comparsa intorno al relitto e sta minacciando la costa già danneggiata in passato da diverse maree nere. Sul posto sono state inviate delle speciali unità anti inquinamento che tenteranno di "aspirare" gli idrocarburi dallo scafo per evitare che si riversino in mare. "Per ora il serbatoio è ancora intatto, ma se rimarrà troppo tempo sott'acqua c'è il rischio che si rompa" ha detto un responsabile della Guarda Costiera. L'operazione è resa più difficile a causa delle piogge monsoniche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?