Navigation

India: Mumbai, arriva la "patente" per bere alcool

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 maggio 2012 - 13:57
(Keystone-ATS)

Le autorità di Mumbai hanno deciso di rispolverare una vecchia legge che prevede uno speciale "permesso" per i consumatori di bevande alcoliche. Chiunque sia sorpreso a bere anche solo una birra senza l'autorizzazione richiesta può incappare in una multa salata o addirittura in una condanna a un massimo di cinque anni di carcere. È quanto riferisce oggi il quotidiano "Mail Today".

"Da ora in poi, bere senza licenza sarà un reato come quello di guidare senza patente", commenta ironicamente il giornale. La nuova politica proibizionista, introdotta dall'amministrazione della metropoli guidata da un partito indu-nazionalista, giunge a quattro giorni dall'irruzione della polizia in un festino a base di alcol e droghe dove sono state arrestate cento persone, tra cui un paio di giocatori di cricket.

Il consumo di alcol è regolato da legge del 1949 chiamata Bombay Prohibition Act, che non è mai stata applicata alla lettera, soprattutto per quanto riguarda i consumatori privati. Ma dopo il blitz nel locale della famosa spiaggia di Juhu, dove abitano le star di Bollywood, la polizia ha deciso di riesumare il vecchio regolamento mai applicato.

Esso prevede una sorta di "patentino" per i bevitori di alcol che si ottiene dietro pagamento di una modica tassa. Per il permesso a vita si sborsano soltanto 1000 rupie (circa 17 franchi) e per quello annuale 100 rupie. È previsto anche un "pass giornaliero" per l'irrisoria cifra di 2 rupie per i liquori indiani e di 5 per quelli stranieri. La legge stabilisce inoltre che non si possono possedere più di 12 bottiglie di superalcolici a testa e circa il doppio di vino o birra.

In passato, Mumbai e lo stato del Maharashtra si erano già contraddistinti per campagne moralizzatrici, come quella del divieto dei "dance bar", locali notturni dove si esibiscono ballerine e dove spesso si nascondono giri di prostituzione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?