Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'immagine mostra uno studente che allontana un fumogeno.

KEYSTONE/AP/MUKHTAR KHAN

(sda-ats)

Nuova giornata di violenze oggi a Srinagar, capitale dello Stato indiano di Jammu & Kashmir, dove, dopo cinque giorni di chiusura delle scuole, gruppi di studenti di vari istituti si sono scontrati con la polizia riversandosi sulla trafficata Maulana Azad Road.

Intanto, sempre oggi, due motociclisti hanno ucciso a colpi d'arma da fuoco, mentre in auto stava recandosi a Srinagar, Abdul Gani, presidente per il distretto di Pulwama del Partito democratico del popolo (Pdp), membro della coalizione di governo che insieme al Bjp del premier Narendra Modi governa il Kashmir. Lo riferisce nella sua pagina online il quotidiano Greater Kashmir.

Le tv indiane hanno fornito immagini della protesta studentesca, espressa per lo più con un nutrito lancio di pietre contro le forze dell'ordine, ed in cui si sono distinte in particolare le allieve del Women's College MA della capitale kashmira.

Non esiste al momento un bilancio di vittime, mentre il giornale indica che almeno sei studenti della SP Higher Secondary School sono stati arrestati dalle forze speciali di polizia che, in alcuni casi, hanno fatto uso di lacrimogeni e di colpi d'arma da fuoco in aria per disperdere i manifestanti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS