Navigation

India: picchiata da marito ubriaco si dà fuoco con 2 figli

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 luglio 2013 - 09:40
(Keystone-ATS)

Una giovane sposa indiana, ormai esausta per le violenze a cui era sottoposta dal marito spesso ubriaco, si è tolta la vita insieme alle due figlie di 8 mesi e 2 anni appiccandosi il fuoco. Lo riferisce oggi l'agenzia di stampa Ians.

Gudiya, 28 anni, ha messo in atto il suo gesto disperato dopo una ennesima lite con il marito nel villaggio di Kishunpali del distretto di Deoria, nello Stato di Uttar Pradesh.

Così dopo il litigio, e dopo che il marito si era recato al lavoro, la donna ha cosparso il proprio corpo e quello dei due figli di cherosene e ha appiccato il fuoco.

Richiamati dalle grida strazianti, i vicini sono entrati nella casa della giovane, ma non hanno potuto fare altro che constatare che le due piccole erano già morte, mentre la donna era in fin di vita.

Trasportata in ospedale, Gudiya è deceduta poco dopo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.