Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Guardia costiera indiana ha sequestrato una nave mercantile appartenente a una società americana per essere entrata nelle acque territoriali con una scorta armata in servizio anti-pirateria. Lo riferiscono oggi i media indiani.

L'incidente è successo venerdì al largo della costa di Kanyakumari, nel Tamil Nadu. A bordo ci sono 10 uomini dell'equipaggio e 25 agenti di sicurezza armati. La nave, che si chiama MV Seaman Guard, è stata scortata dalle autorità indiane fino al porto di Tuticorin dove si trova per gli accertamenti.

Sembra che i responsabili dell'equipaggio e dei "contractor" non abbiano fornito sufficienti documenti per giustificare il possesso dei fucili semiautomatici trovati a bordo. Non è inoltre chiaro perché l'imbarcazione, registrata in Sierra Leone, sia entrata nelle acque indiane. Il capitano della nave ha detto che gli agenti appartengono a una società privata che fornisce protezione armata ai cargo che attraversano il Golfo di Aden e zone dell'oceano indiano dove operano i pirati.

L'incidente ricorda quello della Enrica Lexie, la petroliera italiana scortata dai marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, sequestrata dalla polizia del Kerala nel febbraio 2012 dopo l'uccisione di due pescatori. I due marò sono ancora in attesa del processo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS