Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Riscrivere le regole sulle sovvenzioni agricole, in nome del diritto alla sovranità alimentare, riconosciuto dalle stesse Nazioni Unite. È quanto chiede l'India, alla testa del gruppo di 46 Paesi in via di sviluppo che si riconosce nel G33, alla ministeriale dell'Organizzazione del Commercio che si dovrebbe chiudere domani a Nusa Dua, sull'isola di Bali, in Indonesia.

Di fatto, la richiesta dell'India - che ha rifiutato la cosiddetta 'clausola della pace' proposta dagli Stati Uniti, che prevede una moratoria di quattro anni alle sanzioni contro i Paesi che sforano i tetto delle sovvenzioni - rischia di far fallire l'ennesimo vertice della Wto, che dal 2001, quando varò l'Agenda di Doha, non è riuscita a compiere passi avanti.

L'Unione europea si dice ancora fiduciosa sulla possibilità di un'intesa. "C'è un'evoluzione nella posizione indiana - ha detto il commissario europeo al Commercio Karel de Gucht - anche se è difficile se quest'evoluzione possa essere significativa".

"Se L'india dice no a un accordo - ha ricordato il ministro francese al Commercio estero, Nicole Bricq - si assume una grande responsabilità agli occhi del mondo. Non potrà infatti dire che sono i ricchi contro i poveri, il Nord contro il Sud, perché la Ue non c'entra nulla in questa storia. L'agevolazione degli scambi commerciali dà benefici a tutto il mondo, in particolare ai più vulnerabili".

New Delhi, e i Paesi del G33, vuole offrire derrate alimentari a prezzi artificiosamente bassi a circa 800 milioni di poveri. Ma le apparenti ragioni umanitarie potrebbero - secondo alcuni critici - nascondere motivi politici, visto l'avvicinarsi delle elezioni nazionali in India.

La posizione indiana blocca così un accordo sul cosiddetto 'pacchetto Bali', che deve essere approvato all'unanimità: quest'insieme di misure minime, soprannominato 'Doha light', è stato presentato come un modo per rilanciare i negoziati sull'apertura del commercio mondiale, paralizzati ormai da dodici anni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS