Tutte le notizie in breve

L'indicatore UBS dei consumi ha registrato un aumento da 1,45 a 1,5 punti in dicembre

Keystone/GEORGIOS KEFALAS

(sda-ats)

L'indicatore UBS dei consumi ha registrato un aumento da 1,45 a 1,5 punti in dicembre. Una progressione legata alle cifre record segnate nel mercato automobilistico. La tendenza dovrebbe proseguire quest'anno.

Il numero di nuove immatricolazioni è progredito dell'8,2% rispetto allo scorso anno, precisa l'istituto bancario in un comunicato odierno. Le previsioni restano invece pessimistiche nel commercio al dettaglio.

Il settore del turismo nazionale ha mantenuto il solido livello raggiunto in novembre. I pernottamenti in albergo sono aumentati leggermente, ossia dello 0,9% rispetto allo stesso mese del 2015. UBS ritiene positivo che molte località abbiano ampliato la loro gamma di offerte proponendo alternative come la pesca sul ghiaccio.

Anche se le abbondanti nevicate di questo gennaio hanno fatto crescere nuovamente la fiducia del settore non si può contare su una ripresa duratura, sostiene UBS. Sul settore pesano indubbiamente gli effetti negativi del franco forte.

Gli esperti di UBS si aspettano però nei prossimi 12 mesi un deprezzamento del franco rispetto all'euro. La moneta unica europea dovrebbe situarsi "nettamente" al di sopra della soglia di 1,10 franchi, contro gli attuali 1,07 franchi.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve