Navigation

Indice CS/CFA sale ulteriormente in giugno

Già già quasi un quinto degli analisti prevede un calo della disoccupazione. Keystone/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 giugno 2020 - 11:30
(Keystone-ATS)

Gli analisti si mostrano sempre più ottimisti per l'evoluzione della congiuntura svizzera: dopo il tracollo di marzo l'indice calcolato da Credit Suisse e da CFA Society Switzerland è salito per il terzo mese consecutivo, segnando in giugno +48,7 punti.

Concretamente ciò significa che sono sempre più numerosi gli specialisti che nei prossimi sei mesi si aspettano un rafforzamento della dinamica economica di quelli che puntano sull'evoluzione opposta (62,8%-14,1%=48,7%).

Un valore più elevato era stato raggiunto soltanto nel dicembre 2017 e nella fase di ripresa dalla crisi finanziaria tra settembre 2009 ed aprile 2010, viene affermato nello studio pubblicato oggi.

L'indicatore, che in marzo era crollato a -45,8 da +7,7 di febbraio, era tornato in aprile in territorio positivo, a +12,7, e in maggio era salito a 31,3 punti, il livello più alto dalla primavera 2018.

Gli analisti giudicano migliore del mese scorso sia la situazione congiunturale corrente (-46,2 dopo -55,2 punti il mese scorso) che la situazione sul fronte delle esportazioni attuale (-79,7 dopo -95,4 punti) che futura (51,4 dopo 33,9 punti).

Il prudente ottimismo interessa anche la valutazione del tasso di disoccupazione: dopo il 90% degli interpellati in aprile e l'82% in maggio ora il 70% si aspetta un ulteriore aumento, mentre già quasi un quinto prevede un calo.

Il sondaggio è stato condotto tra il 10 e il 18 giugno e vi hanno partecipato 78 analisti.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.