Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le aspettative degli esperti finanziari sul futuro della congiuntura svizzera sono peggiorate in luglio.

Il relativo indice calcolato dal Centro per la ricerca economica europea (ZEW) di Mannheim (D) e da Credit Suisse (CS) si è attestato a -5,4 punti, contro +0,1 punti di giugno.

Si tratta del primo arretramento da diversi mesi, fa sapere CS in un comunicato odierno. In seguito al "Francogeddon" l'indicatore era crollato in febbraio a -73,0 punti (da -10,8), ma dopo erano seguiti quattro mesi consecutivi in crescita.

Nel dettaglio, il 56,8% degli analisti e degli economisti interrogati è convinto che nei prossimi sei mesi non vi saranno cambiamenti nella situazione congiunturale, il 18,9% si aspetta un miglioramento e il 24,3% pronostica un peggioramento (valori che determinano poi l'indice complessivo: 18,9 meno 24,3 = -5,4). Rispetto a giugno diminuiscono sia gli ottimisti (-6,8 punti), sia i pessimisti (-1,3 punti), mentre si fanno più folte le file di coloro che puntano sullo status quo (+8,1 punti).

Migliora per contro leggermente nel confronto mensile il giudizio sull'attuale andamento dell'economia, con un indice a -21,6 punti, mentre in giugno era a -23,0.

Il peggioramento delle stime per il futuro potrebbe essere dovuto anche a un'analisi meno favorevole sulla prevista evoluzione dell'Eurozona (47,1 punti, -4,3) e degli Usa (25,1 punti, -14,4).

Tornando entro i confini elvetici, diminuiscono gli esperti che si aspettano un'ulteriore flessione dell'inflazione (2,7% degli interpellati, -12,7 punti rispetto a giugno): la grande maggioranza (78,4%) non prevede cambiamenti e solo pochi scommettono su un aumento (18,9%, +1,0 punti)

I tassi sono attesi stabili nel corto termine (94,1%) e più fitte si fanno le schiere di coloro che non si aspettano mutamenti nemmeno sul lungo periodo (59,5%, +4,2 punti): solo il 37,8% (+1,0 punti) punta su un incremento.

Il 52,9% degli interrogati prevede inoltre una progressione dell'indice di borsa SMI. Riguardo ai cambi, il 40,5% ritiene che non vi saranno cambiamenti nel corso euro/franco, il 32,4% si aspetta un indebolimento del franco e il 27,1% un rafforzamento. Sul fronte della disoccupazione il 61,1% vede una crescita dei senza lavoro e il 38,9% una stagnazione; nessuno si aspetta un calo.

Al sondaggio, effettuato fra il 29 giugno e il 13 luglio, hanno partecipato 37 analisti, cui sono state poste anche tre domande straordinarie. La prima relativa alla crescita economica nel 2015 e nel 2016: la maggioranza del campione prevede un'espansione compresa fra lo 0,5 e l'1% quest'anno e fra l'1 e l'1,5% nei dodici mesi successivi. Il secondo quesito concerneva l'inflazione, vista fra -1,0 e 1% nel 2015 e fra 0,0 e 0,5% nel 2016. La terza domanda era in relazione al Libor 3M fra dodici mesi, previsto nella fascia tra -1,0 e -0,5%.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS