Navigation

Indigeni denunciano Bolsonaro per razzismo

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 gennaio 2020 - 14:14
(Keystone-ATS)

L'Associazione dei popoli indigeni del Brasile (Abip) ha annunciato che denuncerà Jair Bolsonaro per dichiarazioni razziste, dopo che il presidente ha detto in un video trasmesso sui social che "l'indio sta diventando ogni volta di più un essere umano uguale a noi".

Parlando della creazione di un Consiglio dell'Amazzonia, che ha annunciato martedì scorso, nel suo consueto video settimanale su Facebook, Bolsonaro ha detto che "l'indio è cambiato, sta evolvendo", aggiungendo che "sta diventando ogni volta di più un essere umano uguale a noi", e per questo il suo governo "farà sì che l'indio si integri nella società e sia vero proprietario della sua terra indigena".

Sonia Guajajara, attivista indigena e coordinatrice dell'Abip, ha respinto queste dichiarazioni di Bolsonaro, esigendo che il presidente mostri più rispetto verso gli indios. "Ancora una volta, Bolsonaro straccia la Costituzione al negare la nostra esistenza come essere umani", ha detto Guajajara, prima di concludere che "bisogna dire basta una buona volta a questo perverso!".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.