Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sospese in Indonesia le ricerche dei dispersi

KEYSTONE/EPA/HOTLI SIMANJUNTAK

(sda-ats)

Le ricerche di dispersi e vittime del sisma/tsunami che lo scorso mese ha colpito l'isola di Sulawesi e la città di Palu, in particolare, sono state sospese.

Lo annunciano le autorità indonesiane, spiegando che la fine delle operazioni sarebbe stata onorata con una preghiera di massa in aree come le città di Balaroa e Petobo, dove la forza del sisma ha portato il suolo a liquefarsi. I volontari potranno però continuare le attività in via autonoma. L'ultimo bollettino ufficiale parla di 2'065 vittime e di 650 dispersi.

Il bilancio potrebbe però avere un numero di vittime e dispersi ben maggiore a causa delle case sprofondate per la liquefazione del suolo.

Intanto, il terremoto di questa notte di magnitudo 6, al largo di Bali, conta almeno tre morti: avvenuto all'1:44 locali, l'ipocentro è stato individuato a 9 km di profondità nella parte più orientale della provincia di East Java, secondo il U.S. Geological Survey.

"Le vittime sono decedute col crollo delle case mentre dormivano", ha spiegato Sutopo Purwo Nugroho, portavoce della National Disaster Mitigation Agency, aggiungendo che le vittime sono tutte relative a villaggi sull'isola di Madura, a nord di East Java. La scossa è stata tanto forte da essere avvertita in molte province indonesiane.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS