Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nonostante il difficile quadro economico l'industria svizzera della carta ha aumentato nel 2015 le esportazioni, salite a 940'000 tonnellate, il 5,5% in più dell'anno prima.

Le forniture complessive alle aziende si sono attestate a 1,26 milioni (+1,7%), informa nel suo rapporto annuale l'associazione di categoria ZPK.

Le importazioni sono scese dell'1,7% a 913'000 milioni di tonnellate. Hanno arretrato anche i consumi di carta, ridottisi del 3,3% a 1,25 milioni di tonnellate.

Considerato l'impatto avuto dall'abbandono della soglia minima di cambio euro/franco il settore "ha tenuto abbastanza bene", si legge nel rapporto. Le aziende si sono viste costrette a intervenire ulteriormente sui costi. Alcune imprese sono alle prese con problemi finanziari e non sono riuscite a raggiungere la zona utili.

Nel primo trimestre 2016 gli affari stanno andando meglio dell'anno scorso. Segnali positivi arrivano sia dalle commesse in portafoglio che dalla produzione. All'evoluzione favorevole ha contribuito anche la stabilizzazione del corso dell'euro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS