Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Associazione svizzera per la comunicazione visiva Viscom ha approvato lo scorso 30 novembre il nuovo Contratto collettivo di lavoro (CCL) per l'industria grafica, che entrerà in vigore il primo gennaio 2016.

Per la prima volta è stato introdotto un reale programma di riduzione e di blocco nelle negoziazioni del CCL da parte dei datori di lavoro, indica Viscom in una nota.

Il contenuto del nuovo CCL è stato snellito e semplificato, spiega l'associazione. Nel contratto appena concordato i minimi salariali rimangono invariati e non è previsto nessun modello di prepensionamento anticipato, come invece auspicato dai sindacati.

I salari minimi sono stati fissati nel 2013 a 4200 franchi per i poligrafi e tecnici stampa e a 3800 franchi per lavoratori non qualificati.

Sono inoltre state trovate soluzioni transitorie per un certo numero di disposizioni superate, come l'indennità pasto, le pause supplementari e la costituzione del fondo di risparmio. Sono stati pure fissati nuovi supplementi per il lavoro notturno.

L'introduzione della settimana lavorativa di 42 ore viene notevolmente semplificata, secondo Visicom. Ora anche le aziende che stampano giornali hanno la possibilità di introdurre tale orario lavorativo. Le ditte che applicano già questo sistema orario possono mantenerlo senza condizioni.

Viscom ha legato la Dichiarazione di obbligatorietà generale (DOG) a una semplificazione dei contenuti del CCL. Il suo ambito di applicazione è limitato all'industria grafica, mentre le aziende per l'imballaggio, le serigrafie come pure le ditte con meno di tre collaboratori non devono sottostare alla DOG, si precisa.

Nel corso del prossimo anno la Segreteria di Stato dell'economia (SECO) verificherà la DOG, così che il Consiglio federale possa dichiararla ufficialmente vincolante nel settore.

Viscom aveva denunciato in aprile il precedente CCL, in vigore dal luglio 2013, per fine anno. I sindacati avevano reagito immediatamente chiedendo negoziati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS