Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'indice PMI dei responsabili degli acquisti dell'industria svizzera (Purchasing Managers' Index) ha segnato a dicembre una progressione di 1,9 punti rispetto a novembre, a quota 54, mentre rispetto a dicembre 2013 ha registrato una flessione di 1,1 punti. L'indice è rimasto sull'insieme dell'anno sopra la soglia dei 50 punti, che che fa da spartiacque tra crescita e contrazione del settore.

L'indice PMI, che ha registrato momenti di debolezza durante i mesi estivi, ha così chiuso il 2014 sugli stessi livelli della media pluriennale, che si assesta a 53,9 punti, secondo quanto comunicato da Credit Suisse, i cui economisti interpretano i dati raccolti mensilmente dall'associazione Procure.ch.

Il dato è superiore alle attese degli analisti consultati dall'agenzia finanziaria awp, che avevano pronosticato una "forbice" compresa tra 51,7 e 53 punti.

Il portafoglio degli ordinativi è risultato ben fornito, come evidenzia il corrispondente sotto-indice, progredito a dicembre a 54,9 punti (+4,9). Anche il dato relativo all'impiego ha chiuso l'anno in territorio positivo (51,1 punti), pur perdendo 4,3 punti rispetto a novembre. I prezzi d'acquisto si sono rivelati stabili (49,3 punti), malgrado le turbolenze verificatesi sul mercato delle materie prime.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS