Navigation

Influenza continua a propagarsi in Svizzera

L'influenza continua a diffondersi tra gli svizzeri. KEYSTONE/DPA/MAURIZIO GAMBARINI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 febbraio 2020 - 13:46
(Keystone-ATS)

L'epidemia influenzale tipica di questo periodo non finisce di espandersi in Svizzera. Il sistema di sorveglianza Sentinella ha segnalato la scorsa settimana 44,7 casi di malattia ogni 1000 consultazioni.

Tale tasso corrisponde a un'incidenza di 345 contagi ogni 100'000 abitanti, contro i 292 durante i sette giorni precedenti.

A livello regionale, si legge sul sito dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), che pubblica settimanalmente un punto della situazione, continuano a spiccare in negativo Ticino e Grigioni. L'incidenza dei due Cantoni è arrivata a quota 785,1.

L'influenza è ora comunque ampiamente diffusa in tutto il Paese. La soglia epidemica di 69 casi ogni 100'000 abitanti era stata superata dalla seconda settimana di gennaio.

I più colpiti sono i bambini fino a 14 anni. Tolti i minori di quattro anni, categoria per cui si osserva un trend costante, in tutte le altre fasce l'epidemia è in fase ascendente. Attualmente sono in circolazione tre diversi tipi di virus, il che è abbastanza inusuale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.