Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le radio private ticinesi titolari di una concessione, Radio Fiume Ticino e Radio 3i, trasmettono meno informazione regionale rispetto a quelle svizzero tedesche e, soprattutto, romande.

È quanto risulta da un rapporto del società Publicom redatto su incarico dell'Ufficio federale della comunicazione. Stando alle cifre riportate nel documento, le due radio regionali a Sud delle Alpi consacrano in media il 12% delle loro attività all'informazione regionale (14 minuti).

Sussistono tuttavia marcate differenze fra le due emittenti prese in considerazione. Radio 3i dedica 20 minuti in media al giorno all'informazione regionale (16%), a fronte dei soli 8 minuti di Radio Fiume Ticino (6%). Per le due emittenti, il grosso della programmazione è dedicato alla musica.

A livello nazionale, le radio private della Svizzera romanda diffondono in media, nei giorni feriali e nei momenti di maggiore audience, 31 minuti, le emittenti operanti nella Svizzera tedesca 16 minuti e quelle nella Svizzera italiana, come si è visto, 14 minuti.

In generale, sostiene il documento, rispetto a tre anni fa, data dell'ultima rilevazione, la quota parte di informazioni in Romandia è costante, mentre è in calo nelle altre due principali regioni linguistiche del Paese.

I ricercatori hanno tuttavia notato che la quota di informazioni diffuse è maggiore per le radio concessionarie a beneficio di una quota del canone: questo denaro serve a coprire in parte i maggiori costi di produzione.

Una particolarità che salta all'occhio è l'importanza del parlato nelle emittenti romande e svizzero italiane (soprattutto animazione e pubblicità) rispetto a quelle germanofone. Questa differenza potrebbe essere dovuta anche a una diversa cultura radiofonica: nella Svizzera latina si dà più importanza all'accompagnamento con la parola.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS