Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Informare sulla politica di trasferimento del traffico delle merci in transito in Svizzera. Con questo obiettivo l'Iniziativa delle Alpi ha invitato oggi al cantiere AlpTransit di Erstfeld (UR) e al centro di controllo del traffico pesante di Ripshausen (UR) gli ambasciatori a Berna dei paesi dell'Ue.

Ad accoglierli c'erano la consigliera nazionale ticinese Marina Carobbio Guscetti (PS), vicepresidente dell'organizzazione, e il Consigliere di Stato urano Markus Züst, in rappresentanza della Conferenza dei governi della Svizzera centrale.

Entrambi hanno sottolineato l'importanza, per i cantoni situati lungo l'asse nord-sud, della politica di trasferimento delle merci su rotaia. Hanno inoltre promosso l'introduzione di una borsa dei transiti alpini per limitare il traffico di mezzi pesanti, risparmiare energia e sfruttare appieno le capacità ferroviarie.

L'ambasciatore lituano, Jonas Rudalevicius - il cui paese presiede l'Unione europea nel secondo semestre del 2013 - si è detto impressionato dagli sforzi elvetici. Anche la Lituania è un Paese di transito - ha rilevato - e per noi è molto interessante vedere le soluzioni adottate da Berna.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS