Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'iniziativa popolare del Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE), sottoposta al popolo il prossimo 22 settembre, è "ipocrita". Contestando il principio di milizia e l'obbligo di servire, essa attacca il modello di successo elvetico e mira alla soppressione totale dell'esercito, ha affermato oggi in conferenza stampa a Berna un comitato interpartitico contrario al testo.

Rappresentanti del PLR, del PPD, dell'UDC, del PBD, della Lega e della Società svizzera degli ufficiali hanno lanciato oggi la campagna contro l'iniziativa "Sì all'abolizione del servizio militare obbligatorio", soprannominando quest'ultima "iniziativa contro la sicurezza".

I promotori vogliono rimpiazzare il servizio militare obbligatorio con un servizio volontario aperto a tutti. La Svizzera è uno dei pochi Paesi in Europa ad avere ancora il reclutamento obbligatorio, ricordano.

Un esercito di volontari di milizia è tuttavia totalmente illusorio, non esiste in nessun Paese, ha criticato il consigliere nazionale Jean-François Rime (UDC/FR). Tutti gli stati europei che hanno abolito il servizio obbligatorio hanno degli eserciti di professionisti e dei grandi problemi di reclutamento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS