Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Continuano oggi i dibattiti alle Camere federali.

KEYSTONE/PETER KLAUNZER

(sda-ats)

Bisogna sopprimere l'articolo sull'immigrazione introdotto nella Costituzione il 9 febbraio 2014? A questa domanda dovrà rispondere oggi il Consiglio degli Stati affrontando la cosiddetta iniziativa RASA ("Raus aus der Sackgasse", "Fuori dal vicolo cieco").

Secondo i promotori dell'iniziativa, l'iniziativa UDC "contro l'immigrazione di massa" minaccia gli accordi bilaterali in vigore con l'Unione europea (Ue). Il testo è volutamente molto conciso: chiede semplicemente che le disposizioni introdotte il 9 febbraio (art. 121a e 197 n. 11) vengano abrogate.

La commissione preparatoria propone di bocciarla senza apporgli un controprogetto. Da quando è stata depositata, le Camere federali hanno adottato una legislazione d'applicazione dell'articolo costituzionale sull'immigrazione rispettosa dell'Accordo sulla libera circolazione delle persone concluso con l'Ue.

In tal modo è soddisfatta la principale richiesta degli iniziativisti, ovvero non compromettere gli accordi bilaterali con l'Ue. Secondo la commissione, non è quindi il caso di riprendere da capo tutta la discussione, poiché in tal modo, invece che fare chiarezza, si rischia di creare confusione.

Da parte sua, il Consiglio nazionale (08.00-13.00) ha da poco ripreso il dibattito, a livello di divergenze, sul preventivo 2018 della Confederazione. Martedì il Consiglio degli Stati ha ribadito quasi tutte le principali decisioni prese la settimana scorsa, sostenendo maggiormente i Politecnici federali (PF), le attività extrascolastiche di bambini e giovani nonché le organizzazioni famigliari.

La Camera del popolo tornerà poi ad occuparsi dell'iniziativa "Per la sovranità alimentare. L'agricoltura riguarda noi tutti", il cui dibattito è iniziato martedì. Dalle prime discussioni si è già capito che malgrado l'iniziativa goda di alcune simpatie, essa sarà bocciata quando sarà sottoposta al voto. Non esiste del resto alcuna proposta di minoranza che ne chieda l'approvazione. Stessa sorte dovrebbe toccare al controprogetto diretto, elaborato dalla minoranza della commissione preparatoria.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS