Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Alcuni esponenti delle organizzazioni cantonali degli insegnanti riuniti oggi a Berna si sono espressi a favore dell'insegnamento di una seconda lingua nazionale prima dell'inglese. Una scelta che deve ancora essere confermata dalle varie associazioni di categoria.

Jean-Marc Haller, segretario del sindacato degli insegnanti romandi (SER), ha affermato alla radio svizzera romanda che il dibattito è stato molto utile, in particolare riguardo ai mezzi didattici e ai metodi d'insegnamento. I vari interventi sono stati riassunti in una risoluzione in 17 punti che sarà ancora rielaborata prima di sottoporla in autunno al vaglio dei sindacati di categoria romando (SER) e tedesco (LCH).

Il voto di consultazione è stato unanime eccetto per un'astensione, ha precisato all'ats la presidente della sezione zurighese Lilo Lätzsch.

La posizione degli insegnati interviene in piena polemica suscitata dalla decisione dei cantoni di Turgovia e Nidvaldo di dare priorità all'inglese rispetto al francese.

A fine agosto il ministro dell'educazione Alain Berset ha ricordato che i cantoni sono tenuti, secondo un "compromesso", ad insegnare una seconda lingua nazionale alle scuole elementari. "Altrimenti il federalismo non funziona", aveva aggiunto. Se i cantoni non dovessero trovare un denominatore comune il Consiglio federale potrà intervenire conformemente alla Costituzione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS