Intel, il maggior produttore di processori al mondo, ha acquistato la concorrente Altera per 16,7 miliardi di dollari in contanti.

La fusione consentirà a Intel di fronteggiare il calo della domanda di personal computer tradizionali e estendere la propria linea produttiva ai piccoli chip programmabili di Altera, che garantiscono maggiori margini e vengono utilizzati, ad esempio, per accelerare il funzionamento dei motori di ricerca.

L'offerta di Intel valuta il gruppo di San José 54 dollari ad azione, un premio del 10,5% rispetto al prezzo di chiusura delle azioni Altera di venerdì scorso. Prosegue così il consolidamento del settore dei processori dopo la fusione da 37 miliardi di dollari tra Avago e Broadcom, annunciata la settimana scorsa.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.