Navigation

Intelligence Usa, Cina ha preso di mira il team Biden

Secondo l'Intelligence Usa, la Cina ha preso di mira il team del presidente eletto Joe Biden KEYSTONE/AP/Andrew Harnik sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 dicembre 2020 - 09:24
(Keystone-ATS)

Pechino ha intensificato gli sforzi per influenzare la prossima amministrazione Usa e agenti cinesi stanno già prendendo di mira il personale del presidente eletto Joe Biden, incluse le persone più vicine al suo team.

Lo ha detto William Evanina, capo del controspionaggio della National Intelligence, durante una discussione all'Aspen Istitute. Nella stessa sede John Demers, capo della divisione per la sicurezza nazionale del dipartimento di giustizia, ha riferito che centinaia di ricercatori cinesi con legami con le forze armate del loro paese sono stati identificati dall'Fbi la scorsa estate. Lo riportano i media internazionali.

William Evanina - riferiscono Bbc e Guardian - nel corso di una discussione virtuale nel think tank dell'Aspe Istitute, ha spiegato che Pechino ha tentato di intromettersi nella ricerca americana del vaccino anti-Covid ed anche nelle elezioni. Poi ha aggiunto: "Abbiamo anche assistito ad un aumento, che era stato pianificato e avevamo previsto, delle campagne di influenza della Cina, ora reindirizzate verso la nuova amministrazione Biden". L'alto funzionario ha parlato di "influenza straniera maligna" indirizzata verso "le persone che iniziano a lavorare nella nuova amministrazione e quelle che vi orbitano intorno". E "la nuova amministrazione" dovrebbe comprendere quanto prima la natura di tale "influenza", ha aggiunto Evanina.

Nello stesso panel John Deamers, del dipartimento di Giustizia, ha parlato dell'indagine dell'Fbi che ha portato all'arresto di alcuni ricercatori cinesi che avevano nascosto la loro affiliazione con l'Esercito popolare di liberazione. Erano "solo la punta dell'iceberg", considerato che dopo le indagini "oltre mille ricercatori cinesi hanno lasciato il Paese". Per Demers "solo i cinesi hanno risorse, capacità e volontà" per portare avanti attività di spionaggio politico ed economico ed "altre attività maligne".

Condividi questo articolo