Navigation

Interventi di polizia rovinano piani a festaioli incalliti

La polizia ha vegliato sul rispetto delle regole, intervenendo qua e là. KEYSTONE/Ti-Press/Samuel Golay sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 gennaio 2021 - 12:25
(Keystone-ATS)

Il Capodanno in Svizzera è stato per lo più tranquillo, ma il lavoro per le forze dell'ordine non è mancato in alcune circostanze. Gli agenti in particolare sono intervenuti per interrompere un paio di party illegali di grosse dimensioni.

A Villeneuve, nel canton Vaud, la polizia è stata chiamata in causa in merito a un rave fuori legge, organizzato in un capannone abbandonato e pericolante dopo un incendio. Tra le 200 e le 300 persone vi si erano radunate con l'intenzione di fare festa fino al mattino.

Più di 100 agenti sono giunti sul posto per scortare fuori dal locale i festaioli, scrive in una nota odierna la polizia cantonale. L'organizzatore è uno svizzero di 29 anni che, insieme ad altre tre persone, è stato interrogato.

Lo sgombero si è reso necessario anche per garantire la sicurezza dei presenti, si spiega nel comunicato. La struttura era infatti a rischio crollo a causa di un rogo risalente al 2009 e stavano venendo utilizzati generatori a benzina. L'impianto audio è stato sequestrato.

Una festa di San Silvestro non autorizzata è pure stata interrotta a Volketswil, comune poco distante da Zurigo. In questo caso, i partecipanti erano oltre 100, quando invece sul territorio cantonale sono permessi raduni con al massimo dieci persone.

Il party si è tenuto in un edificio commerciale vuoto. Venticinque giovani saranno denunciati per inosservanza delle norme anti-coronavirus, assicura la polizia zurighese, precisando che ulteriori indagini sono in corso.

In quel di Bienne (BE) invece, stando a quanto dichiara a Keystone-ATS un portavoce delle forze dell'ordine bernesi, sono stati sparati più volte fuochi d'artificio in direzione degli agenti. L'episodio si è verificato nel centro città e fortunatamente non ha provocato feriti. Diverse persone sono state interrogate, ma si sta ancora cercando di far luce sull'accaduto.

Condividi questo articolo