Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le imprese svizzere chiedono che le fatture da loro emesse vengano saldate più celermente: è quanto risulta da un sondaggio della società Intrum Justitia. La clientela, a quanto pare, si è adattata.

Un anno fa le aziende concedevano ai clienti privati una scadenza media di pagamento di 27 giorni, che oggi è stata ridotta a 26, secondo i dati pubblicati oggi dalla società di incasso. Stessa tendenza per i clienti commerciali (scadenza ridotta da 30 a 27 giorni) e i poteri pubblici (da 34 a 31).

La clientela, rileva ancora Intrum Justitia, si è adeguata senza batter ciglio. I clienti privati, come in precedenza, continuano infatti a saldare quanto dovuto in media 4 giorni dopo la data di scadenza e i clienti commerciali con 7 giorni di ritardo. Per Comuni, Cantoni e Confederazione si è assistito a un'accelerazione, con ritardi scesi da 11 giorni a 8.

I poteri pubblici, sottolinea ancora lo studio, saldano le fatture 34 giorni dopo averle ricevute e i clienti commerciali 39 giorni dopo. I dati sono migliori di quelli riscontrati presso i corrispondenti gruppi europei: 41 giorni per gli enti statali e 37 per le imprese. Un anno fa, in Europa, i ritardi si attestavano in entrambi i casi a 36 giorni.

In Europa, osserva Intrum Jusititia, i tempi necessari per saldare le fatture si sono allungati, contrariamente a quanto avvenuto in Svizzera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS