Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Anche la giustizia vaticana si è attivata nella vicenda di monsignor Nunzio Scarano, indagato per riciclaggio dalle procure di Salerno e di Roma. La Santa Sede ha disposto il congelamento dei fondi presso la banca vaticana intestati al cosiddetto "monsignor 500". Le autorità vaticane continuano a indagare su transazioni sospette e le indagini potrebbero essere estese ad altre persone, ha riferito oggi il direttore della sala stampa vaticana padre Federico Lombardi.

Fra l'altro Scarano è accusato di aver tentato di trasferire illegalmente 20 milioni di euro in contante dalla Svizzera all'Italia. Egli è già sospeso dalle sue funzioni presso l'APSA, l'Amministrazione del patrimonio della sede apostolica.

In particolare - ha spiegato padre Lombardi - l'Istituto Opere di Religione (IOR) "ha affidato al Promontory Financial Group un esame oggettivo dei fatti e delle circostanze relative ai conti in questione e coopera pienamente con l'organismo di regolazione finanziaria del Vaticano AIF (Autorità di Informazione Finanziaria) e le autorità giudiziarie per fare interamente luce sul caso".

Nel dettaglio - ha aggiunto Lombardi - lo IOR "sta affrontando un esame di tutte le relazioni con i clienti e delle procedure in vigore contro il riciclaggio di denaro". Al tempo stesso, la banca vaticana "sta attuando provvedimenti adeguati per migliorare le sue strutture e procedure". Questo percorso è cominciato a maggio di quest'anno e "ci si aspetta che sia largamente concluso per la fine del 2013".

Padre Lombardi ha concluso rimarcando che la banca vaticana "sta seguendo una linea chiara di identificazione sistematica e di tolleranza zero nei confronti di tutte quelle attività che siano illegali o estranee agli Statuti dell'Istituto, siano esse condotte da laici o da ecclesiastici".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS