Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ipnosi può prolungare sensibilmente il sonno profondo, ossia il periodo che favorisce la memoria e risulta maggiormente ristoratore in una dormita. Lo indica una ricerca svizzera pubblicata sulla rivista Sleep (sonno in inglese). Lo studio potrebbe avere applicazioni per la cura dell'insonnia.

Malgrado la provata efficacia dell'ipnosi, la tecnica non garantisce a tutti un periodo più lungo nelle braccia di Morfeo. In effetti i maschi sono meno sensibili all'ipnosi delle donne e queste ultime non lo sono tutte allo stesso modo. Complessivamente circa la metà della popolazione potrebbe trarre beneficio dalla ricerca.

I risultati dell'indagine hanno sorpreso gli stessi ricercatori, scrivono le università di Zurigo e Friburgo in un comunicato odierno. Le donne che prima di una siesta dopo pranzo sono state sottoposte a tredici minuti di ipnosi hanno goduto di un sonno profondo dell'80% più lungo rispetto a "colleghe" a cui per tredici minuti è stato letto un testo ipnoticamente neutro. Gli esperti ritengono che i risultati sarebbero stati assolutamente analoghi per maschi sensibili all'ipnosi.

elettroencefalografia

EEG

Le potenzialità dell'ipnosi per alleviare disturbi del sonno erano già note. I ricercatori zurighesi e friburghesi però per la prima volta hanno quantificato l'impatto della tecnica. Il sonno profondo è riconoscibile per il particolare profilo dell'attività elettrica del cervello, misurabile con l' ().

I ricercatori, diretti da Björn Rasch del Dipartimento di psicologia dell'ateneo friburghese, hanno "offerto" una siesta di 90 minuti a 70 giovani donne nel laboratorio sul sonno dell'università di Zurigo. Prima di addormentarsi, una parte di loro attraverso altoparlante ha udito una ipnosi da sonno profondo, messa a punto da uno specialista tedesco. Oltre al netto prolungamento del sonno profondo, le cavie hanno ridotto il tempo di veglia di un terzo.

Prima dell'indagine i ricercatori hanno valutato la sensibilità all'ipnosi delle donne servendosi di una procedura standardizzata, nota con l'espressione inglese Harvard Group Scale of Hypnotic Susceptibility.

SDA-ATS