Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il costo di un credito ipotecario può cambiare fortemente a seconda della regione in cui si trova l'immobile: in Romandia e nei Grigioni banche e assicurazioni chiedono tassi di interesse più elevati che nel resto del paese.

A rivelarlo un'analisi effettuata dalla società di consulenza Moneypark sulla base di 1000 offerte vincolanti presentate da 70 diversi istituti.

I dati sono stati raccolti nel primo semestre: è emerso che sull'arco di un anno i tassi sono aumentati nelle valli retiche e nella Svizzera occidentale, contrariamente alle altre zone della Confederazione e all'andamento generali dei tassi.

Particolarmente a buon mercato sono al momento i mutui nella Svizzera orientale: il tasso è all'1,52%. Poco più elevato (1,53%) è il costo nella regione Svizzera centrale e Ticino (che comprende tutte le località con i numeri di avviamento postale che cominciano con 6). All'estremo opposto si trovano invece Neuchâtel-Giura (1,75%), Grigioni (1,72%) e Losanna-Ginevra (1,70%).

La differenza massima di 0,23 punti può sembrare trascurabile: ma su una ipoteca fissa di 10 anni di 800'000 franchi il relativo risparmio o aggravio è di 18'400 franchi, sottolinea Moneypark. I divari tendono inoltre ad aumentare rispetto all'anno scorso.

Riguardo alle cause di queste differenze gli specialisti avanzano diverse spiegazioni. Da una parte i rischi in Romandia e Grigioni sono considerati più elevati, dall'altra i tassi sono legati anche all'ammontare dei crediti (mutui con somme ridotte sono meno interessanti per le banche: nei Grigioni vi sono molte case secondarie). Non manca inoltre il fattore concorrenza: nella Svizzera orientale sono attivi numerosi offerenti.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS