Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Aiea lancia un nuovo allarme sul nucleare iraniano: Teheran sta accelerando le sue capacità di arricchimento dell'uranio e continua ad ostacolare il lavoro di verifica degli ispettori. Il nuovo rapporto dell'Agenzia Onu per l'energia atomica arriva nel giorno in cui, forte della platea internazionale del summit dei Non Allineati in corso nella capitale iraniana, la guida suprema Ali Khamenei ha ribadito: l'Iran non rinuncerà a sviluppare l'energia atomica per scopi pacifici.

Mentre l'amministrazione Obama, che sta studiando il documento, avverte: l'opzione diplomatica per risolvere la questione nucleare non è "a tempo indeterminato", fa sapere la Casa Bianca, consapevole che anche Israele sta perdendo la pazienza.

Secondo il rapporto dell'Aiea, nel sito sotterraneo di Fordo, costruito sotto una montagna vicino a Qom per meglio proteggersi da eventuali attacchi nemici, le autorità iraniane hanno istallato centinaia di nuove centrifughe per l'arricchimento dell'uranio, passando dal migliaio di maggio scorso alle circa 2000 di agosto. Praticamente un raddoppio della capacità produttiva del sito, anche se, precisa l'Agenzia, di queste macchine solo 700 sono in funzione.

Inoltre gli iraniani, prosegue il rapporto, continuano a ostacolare le verifiche degli ispettori nella base militare di Parchin: in questo sito non lontano da Teheran - accusa l'Agenzia - sarebbero state condotte "importanti attività " che potrebbero "influenzare negativamente la capacità di verificare l'informazione su cui si basano le nostre preoccupazioni". Dall'inizio dell'anno, l'Aiea chiede di poter accedere ai siti in questione, ma senza successo. Basandosi dunque su immagini satellitari, teme che l'Iran stia bonificando il sito, facendo sparire le tracce sospette, prima di autorizzare gli ispettori dell'Aiea a procedere alle loro verifiche.

Ma dal canto suo Khamenei ha ribadito a chiare lettere: l'Iran "non cerca di avere armi atomiche" ma non rinuncerà "mai al diritto della sua gente all'uso pacifico dell'energia nucleare". Sottolineando come le armi atomiche rappresentino "una minaccia per tutti", l'Ayatollah ha ricordato anche che l'uso del nucleare per fini militari è considerato un "peccato" dall'Islam.

Parole che non hanno rassicurato l'Ue secondo cui spetta all'Iran convincere la comunità internazionale dell'uso pacifico del suo programma nucleare. Nè sono bastate al segretario dell'Onu Ban Ki-moon che nel suo intervento al summit di Teheran ha esortato l'Iran ad attuare tutte le "misure" necessarie a creare "fiducia" sui suoi scopi pacifici. Dal palco, Ban ha quindi criticato la negazione dell'Olocausto e i proclami sulla distruzione di Israele espressi dai dirigenti iraniani, compreso il presidente Mahmud Ahmadinejad. Ma al tempo stesso, ha invitato Israele a evitare "minacce" contro l'Iran dato che la situazione potrebbe "trasformarsi in un massacro".

Il nuovo rapporto dell'Aiea, anticipato pochi giorni fa dal New York Times, aveva infatti già messo in allarme - se possibile ancor più di prima - il premier israeliano Benyamin Netanyahu che da mesi preme per passare all'azione contro l'Iran. Il capo del governo israeliano, riferiscono oggi i media, andrà a settembre a New York per denunciare all'Assemblea generale dell'Onu "il regime di terrore dell'Iran, che rappresenta la più minaccia alla pace del mondo".

E mentre si allargano le inchieste Usa sulle violazioni bancarie delle sanzioni all'Iran, Khamenei non abbandona il tono di sfida alla comunità internazionale: le sanzioni "non ci hanno paralizzato - ha sostenuto - ma hanno reso i nostri passi più stabili"

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS