Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ali Akbar Salehi chiede agli Usa di non affossare l'accordo sul programma nucleare iraniano

KEYSTONE/AP/GREGORIO BORGIA

(sda-ats)

L'Iran non vuole vedere fallire l'accordo sul suo programma nucleare del 2015, e avverte gli Usa a non minarne il futuro, mettendo così a rischio gli sforzi internazionali per la non proliferazione come la credibilità e statura politica degli stessi Stati Uniti.

Lo ha detto il capo dell'Agenzia Atomica Iraniana Ali Akbar Salehi, intervenendo alla Conferenza Amaldi sulla cooperazione internazionale per la sicurezza nucleare, il terrorismo e la non proliferazione che si conclude oggi a Roma.

L'accordo sul nucleare che tanti sforzi ha richiesto ai negoziatori, ha detto ancora Salehi, "è semplicemente troppo prezioso perché si permetta che venga minato o indebolito", e l'Iran è sicuro che questa opinione sia condivisa "dall'intera comunità internazionale", contro la "percezione negativa" che ne hanno gli Usa. Ma sfortunatamente, ha osservato, l'approccio "ingannevole" e "negativo" dell'amministrazione Trump "non fa ben sperare" nel futuro.

Tuttavia, ha proseguito, "vi è molto di più in gioco per la comunità internazionale degli interessi nazionali dell'Iran - che gli Usa intendono colpire - in caso di dissoluzione dell'accordo". E naturalmente, ha aggiunto, il ritiro da parte di Washington avrebbe "serie" conseguenze sulle politiche iraniane. In caso contrario invece "si aprirebbe la strada per la soluzione di altre importanti questioni simili".

Trump dovrebbe esprimersi nei prossimi giorni in merito al rispetto da parte dell'Iran dell'accordo, e questo potrebbe aprire a nuove sanzioni contro Teheran.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS