Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LONDRA - Le autorità iraniane hanno annunciato che la condanna alla lapidazione di una donna adultera non sarà eseguita: lo afferma un comunicato dell'ambasciata iraniana a Londra citato oggi dal Times. Il quotidiano britannico aveva lanciato una campagna per fare annullare la sentenza, pubblicando fra l'altro una lettera aperta firmata da diverse personalità della politica e del mondo artistico.
Il comunicato non precisa peraltro se la donna 43enne sfuggirà alla condanna a morte o se, al contrario, sarà impiccata, sottolinea il giornale. Stando ad Amnesty International la condanna risale al 2006 o al 2007: la donna ha inoltre già subito 99 frustate.
Il ministro degli affari esteri inglese, William Hague, aveva parlato di una sentenza da Medioevo, aggiungendo che, se fosse stata eseguita, avrebbe provocato disgusto e orrore in tutto il mondo. Anche il Dipartimento di stato americano aveva qualificato la lapidazione come atto barbaro e odioso, simile alla tortura.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS