Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per la prima volta dall'avvento della Rivoluzione islamica, nel 1979, un giudice donna è stata nominata ai vertici di un Tribunale iraniano.

Lo ha annunciato il procuratore generale di Teheran, Abbas Jafari Dolatabadi, precisando che "il giudice signora Khaki è stato nominato vice capo del Tribunale per i minorenni" e "altre due donne sono state nominate procuratori nello stesso Tribunale".

Dolatabadi ha sottolineato che "questo è un fatto senza precedenti da dopo la Rivoluzione" e che "l'obiettivo principale della Procura di Teheran è quello di attribuire importanza alla donne, soprattutto per il sostegno a famiglie e bambini".

Secondo la legge islamica, le donne possono lavorare come giudici ma non possono emettere sentenze. La più giovane donna giudice del Paese è Samaneh Mottaghi, 30 anni, che lavora nel Tribunale di Yazd ed era stata una studentessa modello, considerata 'genio', nel suo corso all'università. La prima donna giudice iraniana è stata Meimanat Choubak nel 1969.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS