Navigation

Iran: governo Usa non pagherà cauzione per prigioniera

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 settembre 2010 - 07:50
(Keystone-ATS)

WASHINGTON - Gli Stati Uniti non pagheranno la cauzione chiesta dalle autorità iraniane per la liberazione delle prigioniera americana Sarah Shourd.
"Il governo degli Stati Uniti non finanzierà la cauzione", ha detto il portavoce del dipartimento di stato Philip Crowley. La cauzione è stata fissata nella somma di 500.000 dollari. La famiglia della ragazza, detenuta in Iran da mesi e accusata di spionaggio insieme a due amici, ha detto di non avere i soldi per pagare.
Rispondendo ad una domanda sul fatto che sia legale o meno il pagamento di una cauzione, viste le sanzioni esistenti nei confronti dell'Iran, il portavoce Usa ha affermato che "in ogni istante avvengono transazioni tra l'Iran e il resto del mondo: alcune violano le sanzioni, altre no".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.