La Guida iraniana, Ali Khamenei, ha accusato oggi "Paesi nella regione e fuori della regione" di essere dietro ad un attentato contro le Guardie della Rivoluzione che ieri ha provocato 27 morti e 20 feriti nel sud-est del Paese.

L'attacco, ha detto la Guida in un messaggio di condoglianze alle famiglie degli uccisi, è stato compiuto da "elementi di organizzazioni spionistiche di Paesi regionali e fuori dalla regione".

L'attentato contro un autobus che trasportava Pasdaran è avvenuto nella provincia sud-occidentale del Sistan-Baluchistan, che confina con Pakistan e Afghanistan e dove da molti anni sono attivi gruppi armati separatisti. Uno di questi, il Jaish ul Adl (Esercito della Giustizia), affiliato ad Al Qaida, ha rivendicato l'attacco.

Ieri in un tweet il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif aveva evocato una responsabilità americana dietro l'attentato, sottolineando che è avvenuto alla vigilia di una conferenza sul Medio Oriente organizzata dagli Usa a Varsavia in funzione anti-iraniana.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.