Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente eletto dell'Iran, Hassan Rohani, ha scelto per le cariche chiave di ministro degli Esteri e di ministro del Petrolio due veterani di governi riformisti dell'era Khatami.

Agli Esteri andrà Mohammad Javad Zarif, già viceministro degli Esteri ai tempi delle presidenze Rafsanjani e Khatami e quindi ambasciatore all'Onu. Al Petrolio torna invece Bijan Zanganeh, al governo dal 1997 al 2005: titolare dell'Energia sotto le amministrazioni Moussavi e Rafsanjani e poi del Petrolio con Khatami.

Il neo ministro degli Esteri Zarif è noto anche per essere stato in prima linea nei tentativi di dialogo con gli Usa e fra gli animatori, nel 2007, di una conferenza dell'American Iranian Council, insieme con interlocutori statunitensi fra i quali l'attuale capo del Pentagono, Chuck Hagel.

Rohani ha inoltre indicato il facoltoso e influente uomo d'affari Mohammad Forouzandeh per la carica di responsabile del Consiglio di sicurezza nazionale di Teheran e di capo negoziatore sullo spinosissimo dossier nucleare. Forouzandeh era stato a sua volta ministro della Difesa nella stagione della presidenza del 'moderato' Rafsanjani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS