Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non solo il presidente Barack Obama, ma tutta l'amministrazione Usa è al lavoro per convincere scettici e oppositori dell'accordo sul nucleare dell'Iran.

Così il capo del Pentagono, Ash Carter, è in volo per Tel Aviv, dove incontrerà il premier israeliano Benjamin Netanyahu, da dove poi si recherà in Giordania e in Arabia Saudita.

Secondo quanto riportano fonti della Difesa americana, Carter tenterà di rilanciare le relazioni tra Usa e Israele rafforzando la cooperazione militare tra i due alleati. Ma - sottolineano le stesse fonti - non ha in programma di offrire a Netanyahu e al suo ministro della difesa Moshe Yaloon nessun piano che preveda nuovi armamenti come contropartita per l'accordo con Teheran. Questo nel momento in cui gli Stati Uniti stanno invece aumentando la loro fornitura di armi agli stati arabi della regione del Golfo.

Tra i punti che il segretario alla Difesa americano porrà sul tavolo a Tel Aviv anche il rafforzamento della collaborazione sulla cybersicurezza e di quella sul fronte della sicurezza marittima.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS