Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif, in visita ad Atene, ha affermato che un accordo "sostenibile e reciprocamente rispettoso" nelle trattative fra Teheran e le potenze mondiali sul programma nucleare potrebbe essere raggiunto entro il 30 giugno.

Come hanno riferito media locali, Zarif ha fatto queste dichiarazioni nella capitale ellenica al termine di un colloquio con l'omologo greco Nikos Kotzias.

Un'intesa con i negoziatori di Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia e Germania è possibile - ha aggiunto il capo della diplomazia iraniana - purché "si resti nella realtà, non nella fantasia".

Ma Zarif ha pure avvertito che "richieste eccessive" da parte degli interlocutori dell'Iran renderebbero un accordo più difficile da raggiungere anche in assenza di una scadenza. L'accordo proposto a Teheran prevede di congelare il programma nucleare iraniano per un decennio in cambio dell'alleggerimento delle sanzioni in atto contro il Paese.

L'Iran dal canto suo ha sempre sostenuto che il proprio programma nucleare ha solo scopi pacifici, mentre l'Occidente teme che esso sia teso alla produzione di armi nucleari.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.