Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PARIGI - Il numero di prigionieri politici in Iran "supera le 800 persone". Lo ha dichiarato, in un'intervista al canale televisivo all news francese France 24, l'avvocatessa iraniana premio Nobel per la pace Shirin Ebadi, ricordando che "il governo iraniano non ha mai accettato di rivelare il numero di detenuti politici, e minaccia le famiglie perché non parlino ai media".
"Le prigioni sono piene - ha proseguito la Ebadi - Hanno arrestato talmente tante persone che non possono più tenerle tutte, quindi ne fanno uscire alcune sotto cauzioni proibitive, soltanto per fare posto".
La Ebadi, nella stessa intervista, si è anche detta d'accordo con le nuova serie di sanzioni imposte dall'Onu all'Iran. "Sanzioni economiche che colpissero la popolazione sarebbero molto nefaste, e noi ci opporremmo - ha spiegato - Ma per quanto concerne questa quarta serie di sanzioni, sono dirette unicamente al livello militare, quindi siamo d'accordo".

SDA-ATS